Nomogrammi, intelligenza artificiali, reti neurali…. strumenti sofisticati con performance non dissimili dal PSA totale

Mediante l’esplorazione rettale è possibile palpare neoplasie della zona periferica di almeno 0.2 mL. Con la TRUS è possibile individuare noduli ipoecogeni di dimensioni millimetriche. Peraltro la probabilità che a una esplorazione rettale o a un TRUS sospetta corrisponda un cancro alla prostata dipende dal valore del PSA [Catalona 1994, Carvalhal 1999, Eastham 1999]. Ne…

Read more

Nefrectomia radicale : con o senza linfadenectomia ?

  La linfadenectomia ha con molta probabilità un effetto favorevole sulla sopravvivenza nei tumori uroteliali e prostatici e sicuro nel tumore del testicolo. L’impatto sui tumori del parenchima renale è controverso. La presenza di almeno una metastasi linfonodale peggiora la prognosi in modo rilevante [1] ma se l’asportazione delle metastasi abbia un impatto sulla sopravvivenza…

Read more

Terapia ormonale immediata in pazienti sottoposti a sola linfadenectomia per tumore alla prostata. Un’altra evidenza contro.

  I risultati definitivi del protocollo EORTC 30846 sono una ulteriore evidenza contro la terapia ormonale immediata in pazienti con metastasi nodali all’esame patologico. Si tratta di un trial clinico che, data la difficoltà di reclutamento, ha richiesto un arruolamento in un lungo arco temporale, dal 1986 al 1998. Sono stati randomizzati 234 soggetti dopo…

Read more

L’ESWL funziona meglio con la tamsulosina

  Diversi studi hanno dimostrato che la terapia con alfa litici facilita l’espulsione spontanea di calcoli ureterali [1]. Pertanto esistono i presupposti per l’utilizzo di questo tipo di farmaci in associazione all’ESWL. Due studi prospettici randomizzati hanno dimostrato che la combinazione di tamsulosina ed ESWL incrementa il tasso di successo della procedura, richiedendo minor consumo…

Read more

Il gel di captopril aumenta il successo dell’uretrotomia interna

  La stenosi uretrale è ancora oggi una malattia gravata da una alta recidività. Le uniche metodiche di prevenzione della recidiva, ancillari alla uretrotomia interna, sono le dilatazioni uretrali, la cateterizzazione intermittente e l’iniezione intralesionale, per via cistoscopica, di anti-infiammatori o farmaci come il triamcinolone o la mitomicina C [1-4]. Un gruppo di Iraniani ha…

Read more

Adrenalectomia laparoscopica con “mini” strumenti per neoplasie sino a 5 cm.

  La chirurgia “needlescopic” ovvero con strumenti di diametro inferiore ai 3 mm (che in italiano potremmo chiamare mini-laparoscopica) rappresenta una evoluzione della laparoscopia convenzionale atta a ridurre il trauma chirurgico e garantire una migliore cosmesi. Inoltre è stato ipotizzato, anche se controverso negli unici studi controllati [1,2], che l’utilizzo di questi strumenti riduca il…

Read more

La nuova fronteria della chirurgia: E-NOTES

L’impetuoso sviluppo della tecnologia biomedica consente di introdurre novità a tempo di record nella pratica della chirurgia. Non abbiamo fatto in tempo ad apprendere che esiste la chirurgia attraverso gli orifizi naturali (NOTES) che arriva un’altra novità. La E – NOTES (Embryonic – Natural Orifice Transumbilical Endoscopic Surgery) ovvero la chirurgia laparoscopica eseguita attraverso un…

Read more

Rocchetta UroMagazine 18

Linfadenectomia e prostatectomia radicale; quale impatto nei pazienti con linfonodi metastatici nel report patologico? Il timing ottimale della terapia ormonale nei pazienti con metastasi linfonodali all’esame patologico definitivo dopo prostatectomia è ancora in discussione… La prostatectomia radicale nerve sparing si fa anche con il laser… Comportamento del PSA nei pazienti con cancro alla prostata clinicamente…

Read more

Linfadenectomia e prostatectomia radicale; quale impatto nei pazienti con linfonodi metastatici nel report patologico?

E’ ormai noto che estendere la linfadenectomia oltre i limiti classici, includendo la stazione iliaca esterna, comune e presacrale, aumenta l’incidenza di linfonodi positivi a parità di caratteristiche cliniche [1,2,3]. E’ stato inoltre ipotizzato un vantaggio di sopravvivenza in pazienti con un carico linfonodale limitato [4,5] o addirittura in caso di linfonodi negativi. La pubblicazione…

Read more

Il timing ottimale della terapia ormonale nei pazienti con metastasi linfonodali all’esame patologico definitivo dopo prostatectomia è ancora in discussione…

Lo studio di Messing, pubblicato nel 1999, ha certamente avuto un notevole impatto sulla comunità urologica. Si tratta di uno studio randomizzato che dimostrava inequivocabilmente come la terapia ormonale adiuvante fosse superiore alla terapia ormonale di salvataggio iniziata al momento della progressione clinica di malattia. Da allora, i pazienti in stadio patologico N+ dopo intervento…

Read more

La prostatectomia radicale nerve sparing si fa anche con il laser…

La prostatectomia radicale è in continua evoluzione tecnologica. Dalla classica prostatectomia radicale open, con accesso retropubico o perineale, alla laparoscopica trans o extraperitoneale per arrivare alla recente tecnica assista dal robot. E’ difficile oggi dire se a queste innovazioni, dai costi crescenti, corrisponda un ricaduta clinica tale da giustificarli. Purtuttavia l’evoluzione tecnologica passa anche per…

Read more

Comportamento del PSA nei pazienti con cancro alla prostata clinicamente localizzato non trattati

Nel paziente con cancro alla prostata clinicamente localizzato, la cinetica del PSA prima di un trattamento curativo è un potente fattore prognostico di mortalità cancro specifica [1,2]. Inoltre è un predittore del tempo di progressione clinica nei pazienti gestiti con la sola osservazione [3,4]. Ha quindi un grande impatto sull’outcome di questa malattia indipendentemente da…

Read more