Un nuovo farmaco promette di rivoluzionare la terapia della vescica iperattiva

La vescica iperattiva ha un prevalenza importante nella popolazione, rispettivamente il 10.8 e il 12.8% negli uomini e nelle donne [1]. Il fenomeno aumenta con l’età, specialmente nelle donne [1]. Gli agenti antimuscarinici sono lo standard della terapia medica della vescica iperattiva [2]. Una nuova molecola, non anticolinergica, promette risultati interessanti. Si tratta della cizolirtina…

Read more

La biopsia prostatica a “saturazione”… probabilmente troppo per la prima volta

La biopsia prostatica a “saturazione”, che consta di almeno 20 prelievi, aumenta la detection rate di cancro alla prostata dopo una prima biopsia negativa [1] anche quando eseguita in anestesia locale e in ambulatorio [2]. Il gruppo di Cleveland ha tuttavia dimostrato che se è utilizzata come primo approccio diagnostico non aumenta significativamente, rispetto ai…

Read more

Un nuovo rimedio per l’incontinenza dopo prostatectomia radicale?

All’Università di Innsbruck hanno messo a punto una nuova tecnica per risolvere il problema dell’incontinenza urinaria dopo prostatectomia radicale. Con uno studio preliminare su cadavere sono stati individuati i tempi chirurgici per posizionare in sicurezza uno sling suburetrale in polipropilene per via transotturatoria. Mediante un accesso perineale in posizione litotomica si isola il uretra spongiosa…

Read more

L’esame urodinamico è uno strumento sempre utile per valutare le pazienti con incontinenza urinaria?

Per “abdominal leak point pressure”, ALPP, si intende la misurazione della pressione addominale per la quale vi è perdita involontaria di urina. L’ALPP si determina con l’esame urodinamico completo e un valore di 60 cm di H2O è considerato il limite al di sotto del quale la probabilità di cura dell’incontinenza urinaria si riduce in…

Read more

Ma com’è la sopravvivenza per carcinoma superficiale della vescica ?

La notizia che arriva dalla Columbia University di New York è sicuramente provocatoria ma deve costringere a riflettere. Hanno retrospettivamente selezionato 104 pazienti con neoplasia vescicale T1/G3, come documentato dall’ultima biopsia endoscopica, e sottoposti a cistectomia radicale dal 1990 al 2005. 85 (82%) avevano un dataset completo nel database istituzionale delle cistectomie radicali. I pazienti…

Read more

Mai scheletrizzare l’uretere !!!

Il senso estetico del chirurgo urologo può essere nocivo….Una mobilizzazione eccessiva dell’uretere, unitamente alla sezione dello stesso a livello della giunzione con la pelvi o con la vescica, pur risparmiando il tessuto periureterale, può realmente comprometterne la vascolarizzazione e facilitare la formazione di stenosi. Un gruppo del Texas ha effettuato uno studio su 16 maiali…

Read more

Calcolosi renale: PCN meglio di SWL, tecniche comunque sicure

Di fatto esistono suggerimenti dalle linee guida sul tipo di approccio ai calcoli pielocaliciali[1]. Nefrolitotrissia per cutanea, SWL con o senza tutore ureterale, ureterorenoscopia, la chirurgia e infine la sola osservazione rimangono tutte opzioni percorribili. Sono i risultati a definire il trattamento migliore. Krambeck ha individuato 87 pazienti sottoposti a nefrolitotrissia per cutanea alla Mayo…

Read more

Incontinenza urinaria e prolasso pelvico, patologie acquisite o geneticamente predeterminate?

L’eziologia dell’incontinenza urinaria e del prolasso pelvico è complessa e multifattoriale. Possibili fattori di rischio sono la gravidanza, il parto, anormalità del tessuto connettivo congenita o acquista, la denervazione o debolezza del pavimento pelvico, l’invecchiamento, l’isterectomia, la menopausa e fattori associati con incrementi della pressione intraddominale cronici. La predisposizione genetica è stata generalmente accettata ma…

Read more