Infiammazione e cancro. Che cosa c’è di nuovo per la prostata ?

La flogosi cronica è un emergente potenziale fattore di rischio per le neoplasie epatiche, coliche, vescicali, polmonari e pancreatiche [1,2]. L’alta prevalenza di reperti di flogosi cronica (tipo IV secondo la classificazione del NIHCC) nei pezzi di prostatectomia radicale ha suggerito tale associazione anche per il cancro alla prostata. L’ipotesi è supportata da studi di…

Sembra sempre più certo: la linfadenectomia per il cancro alla vescica ha un significato curativo.

L’estensione anatomica usuale della linfadenectomia, oggi, deve partire dall’emergenza dell’arteria mesenterica inferiore, passare per i vasi iliaci comuni, interni ed esterni e comprendere la stazione presacrale e non deve essere limitata alla pelvi. Infatti esistono sempre maggiori evidenze che maggiore è il numero di linfonodi rimossi, maggiore è la sopravvivenza a parità di dati demografici,…

Ci si può fidare delle tabelle di rischio EORTC per le neoplasie superficiali della vescica ?

Il modello statistico pubblicato da Sylvester nel 2006 [1] è oggi lo strumento più diffuso, grazie anche alla Società Europea di Urologia, per calcolare il rischio di recidiva e progressione della neoplasia vescicale superficiale. Il modello è stato sviluppato su di un gruppo di 2596 pazienti con neoplasia in stadio TaT1 partecipanti a 7 studi…

Quale reale significato clinico attribuire alla microlitiasi testicolare ?

Reports anedottici di uomini che hanno sviluppato tumore alla prostate dopo l’identificazione con ecotomografia di microlitiasi testicolare ha generato in letteratura il problema dell’associazione tra il cancro del testicolo e la microlitiasi. Sheynkin e Goldstein raccomandano ogni anno il dosaggio dei markers per il tumore al testicolo, ecotomografia scrotale ed esame fisico dei testicoli. Ganem,…

Qualità di vita dopo terapia per il tumore alla prostata : non ci sono differenze se non entrano in campo gli ormoni

Nella pratica clinica quotidiana capita spesso di dover spiegare a un paziente con una diagnosi di tumore alla prostata clinicamente organo confinato le diverse opzioni terapeutiche esistenti. Quale messaggio deve ricevere il paziente quando si tratta di discutere l’impatto della terapia sulla vita quotidiana? La questione è stata affrontata in diverse pubblicazioni. Nello studio di…

Rocchetta URO Magazine 2

4 nuovi articoli per il secondo numero di Rocchetta UroMagazine ! La pillola dell’amore aiuta anche a far meglio la pipì ? ESWL, meglio a bassa frequenza !!! TURP e disfunzione sessuale. Una leggenda da dimenticare… Dobbiamo misurare lo spessore del detrusore per determinare il grado di ostruzione urinaria

Dobbiamo misurare lo spessore del detrusore per determinare il grado di ostruzione urinaria

L’iperplasia prostatica benigna (IPB) è sicuramente la patologia più comune che affronta l’urologo quotidianamente. L’aumento del volume prostatico, i sintomi urinari e l’ostruzione urinaria sono le potenziali conseguenze dell’IPB tra le quali ancora oggi non è possibile dimostrare una chiara associazione. Pertanto ogni parametro deve essere misurato separatamente. Il volume prostatico può essere valutato con…

La pillola dell’amore aiuta anche a far meglio la pipì ?

Che ci fosse una stretta associazione tra disturbi urinari e sessualità ormai non esistono dubbi. Numerosi trials clinici prospettici hanno dimostrato direttamente o indirettamente questa relazione. Che si potessero curare i disturbi urinari con i farmaci per la disfunzione erettile è proprio una novità dell’ultimo anno. In realtà, gli inibitori della fosfodiesterasi 5 sono noti…