Un nuovo farmaco promette di rivoluzionare la terapia della vescica iperattiva

La vescica iperattiva ha un prevalenza importante nella popolazione, rispettivamente il 10.8 e il 12.8% negli uomini e nelle donne [1]. Il fenomeno aumenta con l’età, specialmente nelle donne [1]. Gli agenti antimuscarinici sono lo standard della terapia medica della vescica iperattiva [2]. Una nuova molecola, non anticolinergica, promette risultati interessanti. Si tratta della cizolirtina…

La biopsia prostatica a “saturazione”… probabilmente troppo per la prima volta

La biopsia prostatica a “saturazione”, che consta di almeno 20 prelievi, aumenta la detection rate di cancro alla prostata dopo una prima biopsia negativa [1] anche quando eseguita in anestesia locale e in ambulatorio [2]. Il gruppo di Cleveland ha tuttavia dimostrato che se è utilizzata come primo approccio diagnostico non aumenta significativamente, rispetto ai…

Un nuovo rimedio per l’incontinenza dopo prostatectomia radicale?

All’Università di Innsbruck hanno messo a punto una nuova tecnica per risolvere il problema dell’incontinenza urinaria dopo prostatectomia radicale. Con uno studio preliminare su cadavere sono stati individuati i tempi chirurgici per posizionare in sicurezza uno sling suburetrale in polipropilene per via transotturatoria. Mediante un accesso perineale in posizione litotomica si isola il uretra spongiosa…

L’esame urodinamico è uno strumento sempre utile per valutare le pazienti con incontinenza urinaria?

Per “abdominal leak point pressure”, ALPP, si intende la misurazione della pressione addominale per la quale vi è perdita involontaria di urina. L’ALPP si determina con l’esame urodinamico completo e un valore di 60 cm di H2O è considerato il limite al di sotto del quale la probabilità di cura dell’incontinenza urinaria si riduce in…