Sembra sempre più certo: la linfadenectomia per il cancro alla vescica ha un significato curativo.

L’estensione anatomica usuale della linfadenectomia, oggi, deve partire dall’emergenza dell’arteria mesenterica inferiore, passare per i vasi iliaci comuni, interni ed esterni e comprendere la stazione presacrale e non deve essere limitata alla pelvi. Infatti esistono sempre maggiori evidenze che maggiore è il numero di linfonodi rimossi, maggiore è la sopravvivenza a parità di dati demografici,…

Ci si può fidare delle tabelle di rischio EORTC per le neoplasie superficiali della vescica ?

Il modello statistico pubblicato da Sylvester nel 2006 [1] è oggi lo strumento più diffuso, grazie anche alla Società Europea di Urologia, per calcolare il rischio di recidiva e progressione della neoplasia vescicale superficiale. Il modello è stato sviluppato su di un gruppo di 2596 pazienti con neoplasia in stadio TaT1 partecipanti a 7 studi…

Quale reale significato clinico attribuire alla microlitiasi testicolare ?

Reports anedottici di uomini che hanno sviluppato tumore alla prostate dopo l’identificazione con ecotomografia di microlitiasi testicolare ha generato in letteratura il problema dell’associazione tra il cancro del testicolo e la microlitiasi. Sheynkin e Goldstein raccomandano ogni anno il dosaggio dei markers per il tumore al testicolo, ecotomografia scrotale ed esame fisico dei testicoli. Ganem,…

Qualità di vita dopo terapia per il tumore alla prostata : non ci sono differenze se non entrano in campo gli ormoni

Nella pratica clinica quotidiana capita spesso di dover spiegare a un paziente con una diagnosi di tumore alla prostata clinicamente organo confinato le diverse opzioni terapeutiche esistenti. Quale messaggio deve ricevere il paziente quando si tratta di discutere l’impatto della terapia sulla vita quotidiana? La questione è stata affrontata in diverse pubblicazioni. Nello studio di…